Una nuova avventura per Martin Rua


Tre amuleti leggendari. Una pista per ritrovarli scritta in una lingua dimenticata. Una caccia al tesoro mortale. Questi gli ingredienti del secondo romanzo di Martin Rua.

Il romanzo si apre con un prologo: Platone, il grande filosofo greco, riceve la visita di un misterioso viaggiatore egizio di nome Anok Sabé. Costui racconta a Platone una storia antica e affascinante e gli consegna un misterioso amuleto fatto di oricalco. Anok Sabé raccomanda a Platone di custodire l’oggetto e tramandare la storia nascondendola tra miti e leggende. Il filosofo decide così di inserire l'oscura vicenda in alcuni dialoghi che egli stesso sta scrivendo in quel periodo.
Leggi altro...